Le lavorazioni di ottobre in giardino

lavori ottobre giardino

Ottobre è tradizionalmente il mese centrale dell’autunno, ma molto spesso nei nostri climi mediterranei è spesso il mese di inizio dell’autunno visto che la lunga estate mediterranea ingloba molta parte di settembre.

In giardino si fanno evidenti i segni dell’autunno e la raccolta delle foglie delle piante caducifoglie diventa una delle lavorazioni più frequenti e dispendiose, almeno in termini di tempo.

Ottobre e novembre sono i mesi di massima virulenza fungina e in cui le spore di molti parassiti fungini sono molto abbondanti nell’aria, quindi posate forbici, forbicioni e tagliasiepi. Per non parlare delle motoseghe!

Questo è il mese giusto per controllare l’efficienza delle macchine da taglio ed eventualmente portarle a fare un bel tagliando da un bravo meccanico.

Prato

  • Falciate con regolarità il prato all’altezza voluta.
  • Controllate lo sviluppo delle piante spontanee.
  • Rimuovete le foglie secche delle piante spoglianti.
  • Controllate l’irrigazione del tappeto erboso, passando a bagnature autunnali che tengano anche in considerazione le abbondanti piogge del periodo. Se il vostro impianto di irrigazione non ne è già dotato, valutate l’installazione di un sensore di pioggia. Con poca spesa ridurrete il consumo idrico sfruttando la pioggia: l’investimento vi tornerà presto in tasca e l’ambiente ne trarrà vantaggio!

Orto

  • Raccogliete le ultime fruttificazioni delle colture a raccolta estiva alcune delle quali, come i pomodori, vi daranno ancora qualche frutto fino ai primi freddi autunnali.
  • Seminate i piselli.
  • Proteggete il prezzemolo dai primi venti freddi o, se in vaso, collocatelo in posizioni riparate, insieme a lavande, rosmarini, timi e altre aromatiche sensibili al freddo. 
  • Continuate la semina degli ortaggi a raccolta invernale come cavoli, lattughe, ravanelli invernali e le cipolle resistenti ai rigori invernali.
  • Verificate e nel caso rinnovate la pacciamatura dell’orto.
  • Verificate nella cantina che i raccolti destinati alla conservazione non si siano ammalorati.
  • Tenete sotto controllo gli afidi, le lumache e le limacce ed intervenite se necessario.
  • Fate la massima attenzione alle problematiche fungine e nel caso intervenite immediatamente.

Arbusti ornamentali

  • Sospendete la tosatura delle siepi, soprattutto se ciò comporta il taglio di parti legnose delle piante.
  • Rimuovete i capolini sfioriti delle piante annuali e delle perenni.
  • Controllate i tutori e i sostegni per i rampicanti, a breve alcuni saranno da togliere per la fine del ciclo vegetativo delle annuali.
  • Riducete l’irrigazione a cicli autunnali, anche in considerazione delle piogge che dovrebbero farsi più abbondanti e regolari.
  • Se necessario rinnovate la pacciamatura nelle aiuole e sotto le siepi per controllare lo sviluppo delle piante infestanti.
  • Controllate le aiuole di stagionali: quando le temperature si abbassano le fioriture estive cominciano ad essere da sostituire con quelle invernali. Cercate comunque di non aver fretta coi ciclamini: se piantate troppo presto, le piante che in serra erano arrivate alla fioritura, la bloccheranno immediatamente sotto al sole di un’ottobrata romana.
  • Raccogliete i semi delle piante tardive che volete riprodurre.
  • Piantare i bulbi a fioritura primaverile. Se non l’avete mai fatto trovate un angolino dove mettere dei tulipani: a primavera godrete appieno del lavoro fatto!

Piante in vaso

  • Verificate lo stato vegetativo delle piante e ricordate che le piante in vaso poste all’interno degli appartamenti risentono meno dell’alternanza delle stagioni; pertanto le cure ad esse dedicate devono essere costanti anche in questo periodo in cui fuori tutta la vita vegetale comincia un po’ a rallentare.
  • Seminate in vaso le piante rustiche.
  • Rinvasate le piante che devono cambiare vaso, aumentandone leggermente la misura.

Interventi generali

  • Raccogliete le foglie delle piante spoglianti, per molte di loro l’autunno è arrivato.
  • Controllate tutori e legacci, a fine mese la crescita comincia a rallentare ma qualche getto settembrino potrebbe rompersi con i primi venti freddi se non legato a dovere.
  • Legate regolarmente i nuovi tralci delle piante rampicanti.
  • Controllate regolarmente lo stato della pacciamatura per mantenere sotto controllo lo sviluppo delle infestanti spontanee e per aiutare il terreno a mantenersi termicamente più isolato sia dal caldo che dai primi freddi.
  • Verificate con molta attenzione la presenza di parassiti ed eventuali problematiche fungine, che in questo mese si fanno particolarmente pericolose a causa del clima umido con temperature non ancora rigide, quando non addirittura decisamente miti come nelle tradizionali ottobrate romane.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.