In base alle temperature bisogna regolare l’altezza del taglio del prato

Il prato è la croce e la delizia del giardino, gli si richiede bellezza e resistenza ma spesso se ne sottovalutano le esigenze manutentive.

Ecco alcuni consigli per avere sempre un prato bello e in salute.

Consiglio 1: concimare in abbondanza
Non fate soffrire la fame alle piantine che costituiscono il vostro prato. Per la cura del prato la concimazione è fondamentale.

Infatti fornendo all’erba il giusto nutrimento, quattro o cinque volte l’anno, si avranno piante sane e forti.

Per la concimazione però non vale la regola “più ce n’è e meglio è”!

Se è vero che è meglio concimare un po’ troppo che troppo poco, è altrettanto vero che gli eccessi minerali possono fare molti danni.

Un buon calendario delle concimazioni può essere il seguente: si inizia in febbraio-marzo, si procede a primavera inoltrata e nel periodo estivo, per poi fare l’ultima concimazione dell’anno in settembre-ottobre.

Consiglio 2: tagliare l’erba con costanza
In realtà la ricetta è semplicissima: più si taglia e più il prato diventa bello.

Per un prato impeccabile sono necessari anche due o tre tagli la settimana, mentre un prato rustico può “accontentarsi” di 3/4 tagli al mese.

Anche l’altezza del taglio è importante; nei green da golf e negli stadi di calcio l’erba è alta poco meno di due centimetri, in un giardino può essere tenuta intorno ai 3,5/4 centimetri.

Inoltre in piena estate è bene aumentare un po’ l’altezza del taglio.

Consiglio 3: annaffiare regolarmente, ma con la giusta parsimonia
Quando annaffiate dovete essere parsimoniosi, sia per non sprecare acqua preziosa, sia perché il prato soffre molto più facilmente un eccesso idrico che una carenza d’acqua.

Il fabbisogno di acqua di un prato dipende dalla temperatura, dalla tipologia e dalle condizioni del terreno.

Ovviamente nel periodo estivo l’esigenza idrica aumenta, ma un prato maturo difficilmente avrà bisogno di più di 2 bagnature settimanali. Il quantitativo d’acqua dipende fortemente dalla tipologia del terreno, in linea di massima un quantitativo di 10/15 litri di acqua per metro quadrato di prato è solitamente sufficiente.

Consiglio 4: il prato è calpestabile, ma non è asfalto
Se seguirete i nostri consigli avrete certamente un bel prato, ma ricordate che per ottenere un prato bello, fitto e vitale lo si deve anche lasciar crescere in pace.

Share This